Popolo disperso

La mia amica Rosi mi chiede un commento sui risultati della Sardegna. Volentieri mi appunto alcune riflessioni sulle quali spererei di condividere un contraddittorio.

La frantumazione del popolo

Pd: 13,48% – Lega: 11,34% – Psd’Az: 9,89% – M5S: 9,7% – FI: 8,07% – Riformatori: 5,02% – FdI: 4,73% – Sardegna Venti 20: 4,13% – LeU: 3,81% – Pro Sardinia-UdC: 3,68% – Campo Progressista: 3,17% – Noi, la Sardegna: 2,81% – Futuro Comune: 2,63% – Sardegna in Comune: 2,47% – Cristiano popolari e socialisti: 1,35% – Sardegna civica: 1,64% – Fortza Paris: 1,63% – Uds: 1,10% – Energie per l’Italia – Sardegna: 0,49% – Progetto comunista per la Sardegna: 0.43%

Continua a leggere

Sequestrati

Siamo ammutoliti, preoccupati, oppressi dalla paura di eventi peggiori, non ci sentiamo rappresentati da politici in grado di pilotare gli eventi e di assicurarci stabilità e futuro. La Democrazia rappresentativa è come sequestrata da forze che determinano tanti e tali incidenti che le regole sono un optional, le promesse elettorali sono un bluff, le realizzazioni sono contraddittorie e dannose.

Continua a leggere

C’è da aver paura ed occorre coraggio 2

Le notizie sulla decrescita del PIL sono preoccupanti, c’è da aver paura ed occorre coraggio perché le più fosche previsioni si vanno consolidando, soprattutto mi preoccupa vedere che la propaganda del MINCULPOP della Casaleggio&C riesca a far presa sulla testa e sulla pancia della gente contro ogni evidenza anche la più severa. La gente pensa effettivamente che il 2019 sarà bellissimo e il consenso per le forze di governo non sembra diminuire.

Continua a leggere

La spirale della paura

Perché tutte le volte che mi metto al computer con l’intenzione di scrivere qualcosa nel mio blog mi distraggo, faccio altro e rinuncio a scrivere cose che in fondo mi sembrano inutili, da perdigiorno? In fondo questo blog nasceva come un momento riflessivo di un anziano che non dovendo più lavorare aveva tempo per raccontare la sua vita e il mondo che lo circonda.

Continua a leggere

Ittiosi, i bimbi pesciolini

Ricevo questa richiesta da mio fratello su Whatsapp.

pesciolino-rosso-1

[12:03, 10/9/2018] S. Bolletta: Caro Raimondo, ti ho appena inserito in un gruppo di quasi 150 persone .

Perché questo gruppo? La finalità è quella di promuovere un’iniziativa di “crowdfunding” (finanziamento collettivo) promossa dalla UFFI (United for Fighting Ichtyosis) finalizzata alla raccolta di fondi per contribuire a finanziare la ricerca in un settore della medicina delle malattie rare.

Il successo di un crowdfunding si basa soprattutto sul numero di persone coinvolte oltre che sull’entità del contributo che ciascuno vuole dare, quindi qualunque cifra, anche modesta, va benissimo.

La ricerca in questione si prefigge lo scopo di far fronte ai gravi problemi delle persone affette da una malattia rara che va sotto il nome di “ittiosi” (chi è interessato può trovare una descrizione sintetica di questa malattia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ittiosi).

Chi volesse partecipare al crowdfunding può seguire le istruzioni riportate nel seguente link (è interessante leggere sul link altre testimonianze di famiglie che hanno questo problema): https://www.gofundme.com/comitatouffi.

In famiglia conosciamo direttamente un caso di una bimba in affido di 4 anni costantemente in pericolo di vita e bisognosa di molte cure ed attenzioni. L’iniziativa di raccolta fondi non risponde però ad una esigenza di aiuto economico alle famiglie ma è finalizzata al finanziamento di un progetto di ricerca che intende preparare medicamenti e tecnologie utili ad alleviare o risolvere questa grave anomalia genetica.

Chissà che questo mio blog non possa essere utile per qualche buona causa!