Trappolone 2

Questa volta sono venuti alle 4 e mezza di notte. I carabinieri si sono portati via il mio vicino di casa. Il suo cognome è noto, è citato in televisione, posso farlo anch’io. E’ il dott. Scozzafava commissario straordinario per l’emergenza ROM sotto la giunta Alemanno. Mi auguro che i magistrati facciano presto a proscioglierlo o a condannarlo, non c’è nulla di peggio che essere imputati di una colpa infamante per troppo tempo. Continua a leggere

Grande la Bindi!

Non ho ancora capito bene cosa sia successo di preciso, non so se effettivamente la Bindi abbia fatto una carognata vendicativa, se abbia violato le regole e il bon ton, in effetti, forse, non mi importa saperlo.

La abbraccerei per il solo fatto di aver fatto saltare i nervi al nostro ducetto in erba, gli abbia fatto alzare la voce, che in questi casi diventa stridula e insopportabile più del solito. E se il 40% svanisse come neve al sole, meglio così ce ne faremo una ragione, come dice spesso la consorteria renziana. Continua a leggere

Il fronte delle pensioni

Nella cittadella assediata non si sa se i troppi fronti aperti dipendano dalla varietà dei nemici o sia il comandate dell’esercito, che ormai ambisce ad essere proclamato principe,  ad aprire ogni giorno un fronte nuovo. Non finisce una battaglia che ne inizia un’altra. Mattia il gradasso spende più tempo nelle bettole la sera a convincere il popolino che il suo esercito sta vincendo ogni dove di quanto ne spenda ad organizzare e fortificare le sue forze per difendere davvero la cittadella assediata dai creditori. Così un suo nuovo giovane luogotenente, nominato sul campo comandante della milizia specializzata a proteggere i vecchi che non possono più lavorare e gli indigenti, certo Boerus Tridentinus Bocconianus, sta aprendo un nuovo fronte, ingaggiando una nuova battaglia per contrastare una frangia di vecchi privilegiati che hanno dei titoli di credito che consentirebbe loro di vivere negli agi alla faccia del misero popolino che nella cittadella doveva stringere la cinghia. Continua a leggere

Mancia preelettorale

Il nostro munifico Mattia il gradasso si presenta con un nuovo bonus, un assegnetto di 2 miliardi per risarcire una parte di coloro che non hanno avuto le rivalutazioni della pensione al costo della vita per effetto della legge Fornero, dichiarata incostituzionale per questa specifica parte.

Tralascio di commentare le vili argomentazioni addotte per la parzialità del rimborso, si sarebbe dovuto ridurre i servizi all’infanzia e ai bisognosi.  Continua a leggere

Valutazione dei docenti

In queste giornate convulse in cui il Parlamento a passo di carica liquida una legge fondamentale di cui nessuno è convinto fino in fondo nemmeno i proponenti, osteggiata trasversalmente da coloro che ne sono direttamente coinvolti, in queste giornate in cui la rete è piena di prese di posizione un po’ disperate alla ricerca di un rimedio a una onda d’urto apparentemente inarrestabile, non riesco a estraniarmi a convincermi che ormai non sono della partita, non ne sono fuori. Continua a leggere

Il tarlo della competizione e il seme della responsabilità.

Forse ho capito! Non sono un vecchio bizzoso ed insoddisfatto, un gufo cui non va bene mai niente, un caca dubbi noioso. Va be’ un po’ lo sono, ma c’è una coerenza di fondo nelle ragioni che motivano la mia insoddisfazione per la Buonascuola, la mia contrarietà al renzismo, la mia ostilità ad ogni forma di populismo. Continua a leggere