Legge maggioritaria, il vero pericolo

La vicenda di Roma e della formazione della giunta Raggi mette in evidenza il problema della  legge che regola i comuni e che andrebbe al più presto rivista. Non solo riduce il consiglio a mera funzione di supporto al sindaco pena lo scioglimento e nuove elezioni ma lascia al sindaco il potere illimitato di scegliersi i consiglieri di sua fiducia. Insomma noi cittadini andiamo due volte a votare senza poter dir nulla sulla giunta. Continua a leggere

Qual è il vero bersaglio

Sulla mia bacheca di FB sul post di ieri  si è sviluppato la seguente discussione:

Antonio: Marino sembra uno che si occupa di fare il sindaco quando non ha di meglio da fare, Roma è una città che sprofonda nel degrado più totale……e ti stupisci che lo lincino ? Ma da quale pianeta viene Marino ? “Anvedi ecco MARINO” coniato dai romani la dice lunga….

Raimondo: Non mi stupisco, cerco di capire e cerco di non abboccare. Una cosa è denunciare, portare elementi, approfondire per consentire ai cittadini di orientarsi e decidere in modo documentato e razionale ed altra è linciare, dileggiare, deridere, aggredire, falsificare, esagerare, sollecitare i peggiori istinti. Marino può essere il peggior sindaco che ci è capitato, non è questo il tema del mio intervento di ieri, noi siamo in presenza di una nuova manovra mediatica che ha scopi politici precisi. Questi rispecchiano gli interessi di poteri che governano o governeranno a breve il nostro paese e la nostra città. La cosa è stata più chiara ieri sera a Bersaglio mobile di Mentana: l’operazione ha lo scopo di assolvere l’establishment berlusconiano che ha sgovernato nell’ultimo ventennio (la vera smacchiatura del giaguaro), consolidare il nuovo establishment del gradasso, preparare l’inserimento dei 5 stelle unici ‘illibati’ di tutta questa storia. Le mosche bianche e le pecore nere vanno eliminate ed additate a nemiche del nuovo status quo e del popolo.

Continua a leggere

Piazza pulita, città sporca

Non seguo i dibattiti televisivi tranne a volte 8,30 sulla 7, se ho già cenato. E’ una questione di igiene mentale. Ma ieri sera c’era l’intervista a Marino e abbiamo seguito con grande attenzione la trasmissione.

L’oggetto del mio interesse non è tanto il mio sindaco, che ho votato, quanto il linciaggio giornalistico e mediatico cui è sottoposto. Continua a leggere