C’è da aver paura ed occorre coraggio 2

Le notizie sulla decrescita del PIL sono preoccupanti, c’è da aver paura ed occorre coraggio perché le più fosche previsioni si vanno consolidando, soprattutto mi preoccupa vedere che la propaganda del MINCULPOP della Casaleggio&C riesca a far presa sulla testa e sulla pancia della gente contro ogni evidenza anche la più severa. La gente pensa effettivamente che il 2019 sarà bellissimo e il consenso per le forze di governo non sembra diminuire.

Continua a leggere

Per non essere ambiguo 2

Oggi, volendo articolare meglio la mia contrarietà al reddito di cittadinanza, mi sono imbattuto nella favola delle api operose. Nella mia crassa ignoranza non la conoscevo ma grazie a questo deprecabile strumento che è internet con pochi link ne ho letto una sintesi su Wikipedia. Mi riprometto di leggere il libro di cui riporto il frontespizio, potrebbe essere utile leggerlo quantomeno per capire meglio certe sfumature del lessico attuale.

 

Continua a leggere

Per non essere ambiguo

La brutta piega che hanno preso le cose in Italia e nel mondo diffonde quel clima di paura che fa ammutolire che si percepisce anche in questo blog in cui gli interventi sono meno frequenti. Tuttavia sento la necessità di scrivere due righe sui decreti di ieri che regolano il reddito di cittadinanza e quota 100. Non li conosco nel dettaglio ma conosco abbastanza per riaffermare la mia totale e profonda opposizione a queste due misure che recheranno danni gravi al nostro tessuto sociale ed economico.

Continua a leggere

Danni permanenti

Se per troppo tempo si abbandona il proprio blog poi è difficile ricominciare a scrivere  se troppe cose stanno accadendo simultaneamente come succede alle frane in cui rotola giù di tutto e non c’è nulla che possa resistere all’impeto di un disastro annunciato ma mai realmente contrastato.

Confesso, sentendomene colpevole, che il decreto sicurezza che è approvato dal Parlamento in queste ore.

Non lo conosco ma i dettagli che stanno emergendo in queste ore sono raggelanti: la tassa sulle rimesse dei lavoratori stranieri è qualcosa di disumano, razzista e stupido, aberrante se si pensa che parallelamente si vogliono detassare i redditi più alti. Cari stranieri lavorate in nero, mettete i vostri risparmi in una scatola di cartone e inviateli direttamente ai vostri parenti senza passare dai money transfer, imparate dai trafficanti di droga se volete eludere questi balzelli. 

Continua a leggere