Clima elettorale 2018

Il bello di un blog personale sta nella possibilità di rileggersi a distanza di tempo per poter riflettere meglio in base all’esperienza e per poter verificare in che misura la nostra soggettività si adatta alle circostanze e alle attese. Rileggere i vecchi post consente inoltre di rinfrescare la memoria in un momento in cui sembra che la memoria collettiva e personale stia evaporando sotto le ventate nichiliste dei mass media che diffondono solo paura e sconcerto.

Continua a leggere

Punti fermi

Un mio amico su FB così scrive: Avevo deciso di tornare a votare, ho molto sperato che il tentativo di Pisapia avesse il successo che meritava. Non è stato così, purtroppo. Dopo molte incertezze mi ero quasi convinto di votare LeU. Poi sono arrivate la proposta sulle tasse universitarie e la decisione di non appoggiare Gori in Lombardia. No, non ci siamo … Ora sono di nuovo in alto mare. Bonino? Ancora astensione? 
Mai votato radicale, chissà …

Continua a leggere

Primi passi di Grasso

Grasso, come leader di LeU, sta cominciando a fare i primi passi in una campagna elettorale che si prospetta tragicamente stupida, il trionfo dell’autolesionismo di chi preferisce il tanto peggio tanto meglio perché teme un futuro catastrofico. E’ un signore impacciato che non suscita entusiasmi come accade a tutte le persone per bene.

ANSA/MAURIZIO DEGL’ INNOCENTI

L’idea di abolire le tasse universitarie e di rendere l’università del tutto gratuita è stata immediatamente criticata ed attaccata da destra e da sinistra e sulla rete molte sono state le prese di posizione avverse.

Continua a leggere

Sepolcri imbiancati

Avevo promesso di stare in silenzio in questi giorni di festa. Non posso.

La mancata approvazione della riforma della cittadinanza, detta impropriamente ius soli, non è passata per l’assenza di alcuni senatori di 5 stelle. Rispetto di più chi era contro. Non rispetto e disprezzo i tatticismi, quelli che volevano far ben altro, quelli che si sono preoccupati dei voti alle elezioni. Sepolcri imbiancati di falso moralismo, gli onesti ormai corrotti dall’esercizio del potere di cui hanno assaggiato i succulenti vantaggi.

segue