Confermo Bersani al ballottaggio

In un precedente post ho dichiarato la mia intenzione di voto per Bersani. Ieri sera al faccia a faccia mi è apparso stanco e un po’ scocciato di doversi sottoporre al fuoco di fila delle solite domande per dimostrare la sua diversità da una pallone gonfiato qual è il nostro bel giovanottone dalla parola facile. Ripetere per l’ennesima volta concetti già enunciati in tutte le salse e in tutti i contesti non deve essere entusiasmante ma ciò che ha detto Bersani mi ha confermato nella mia scelta: mi sembra una persona con le idee chiare, prudente, capace di assemblare una coalizione difficile che dovrà arrivare forse fino a Casini.

E’ fin troppo chiaro che con un 15-20 % conquistato dalla  formazione di Grillo, le tre coalizioni centrosinistra, centro e centrodestra non possono sperare di andare da sole oltre il 30% e quindi tenere le porte aperte ed essere capaci di combinare alleanze in parlamento è decisivo per arrivare a una qualche forma di governo.  Bersani ha fatto capire di non voler ripetere l’errore di Prodi che con due voti di maggioranza in Senato cercò comunque di governare. Avrebbe dovuto  tirarsi indietro per favorire una maggioranza più larga, magari intorno ad  un diverso leader politico. Ma a quel tempo si viveva ancora nel miraggio del leader forte e carsimatico. Ora Bersani dice che è finito il tempo dello scontro muscolare tra titani e occorre  tornare alla democrazia del confronto e della mediazione.

Il ‘giovane’ Renzi ha detto che non se ne parla di allearsi con Casini perché qualcuno l’ha illuso che lui è in grado di arrivare da solo alla maggioranza acchiappando i voti del centro, quello dei delusi del PDL, umiliando la sinistra vendoliana e mandando a casa i mandarini del PD. Il ragazzo ha imparato bene la lezione e crede di sapere quel che ripete velocemente  con uno sforzo mnemonico come fanno gli studenti brillanti e studiosi nelle interrogazioni a scuola.

Penso che Renzi sia un vero pericolo per l’alleanza del centrosinistra e per il PD perché la politica che propone è di stampo neoliberista più consona ad uno schieramento di centrodestra e perché ripete come un ritornello che la sinistra condivide le responsabilità dello sfascio in cui si ritrova il paese dopo questo ventennio berlusconiano. Un bel servizio a favore di una maggioranza uscente che ha enormi responsabilità. A sentire Renzi, se siamo a questo punto, la colpa è della finanza internazionale e soprattutto di una sinistra che non è stata capace di contrastare Berlusconi. Non ricorda che Berlusconi è stato democraticamente eletto con delle belle maggioranze.

Ultime notizie: che noiosi questi che pretendono di far rispettare le regole, masse di scontenti registratevi anche se non potreste e venite ad eleggere il giovane salvatore del centrosinistra!

Il giovanotto sta calando la maschera, parla svelto e ad effetto, per fortuna il replay ci consente di analizzare meglio i testi, i lapsus, gli sguardi per capire più a fondo la sostanza sotto la sovrastruttura delle chiacchiere e non è un bel vedere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...