Immigrazione, le sortite di Renzi e l’immobilismo a sinistra

Da leggere

Il blog

 

-di ANTONIO MAGLIE-

Matteo Renzi riesce ad aver torto anche quando potrebbe avere ragione. Le sua nuova linea politica sulle migrazioni (“numero chiuso”, “aiutiamoli a casa”, “più soldi alla cooperazione) soffrono di due malanni: superficialità e strumentalità. Superficialità perché quelle parole d’ordine sono state usate e abusate dalla destra (più moderata e più reazionaria) svelando una sola realtà: quelle scelte non producono risultati, non bloccano i flussi. La strumentalità, invece, è evidentemente legata al fatto che questa nuova “posizione” è il prodotto dei risultati elettorali, soprattutto quelli di alcune grandi città. Il fatto è che “aiutarli a casa loro” ha poco senso se non prendiamo atto che alla base di queste ondate migratorie vi sono soprattutto problemi economici figli di squilibri alimentati dall’Occidente ricco, anzi opulento. “Aiutarli a casa” equivale a dire che dobbiamo produrre un bel taglio sulla nostra ricchezza (come dice chiaramente Papa Francesco) favorendo, così, una…

View original post 402 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...