Se mettessero le ali

E’ brutto scrivere in un momento così tragico: la politica inquinata dal malaffare, l’economia languente, i negozi che chiudono, i mendicanti che ti assalgono, i barconi che affondano, le stazioni impraticabili, l’America che invia armi pesanti nel nord, il medio oriente in fiamme … 

Ieri sera ascoltavo gli ultimi servizi televisivi sulla migrazione dei giovani che scappano dalla miseria e dalla guerra dell’Africa. I commenti erano unanimi nel descrivere una situazione senza speranza, non solo per loro ma anche per noi, ricchi europei. Anche le cronache più edificanti dei numerosi volontari che cercano di alleviare il dolore di questi fratelli sembravano ai miei occhi sospette, forse pelose dopo aver sentito certe cronache di Mafia Capitale. Appariva una irrazionalità inaccettabile, una ineluttabilità che ci porta a precipitare nel burrone. I commentatori ormai in maggioranza, e a ragione, critici verso Renzi, sottolineavano che il nostro ducetto sa solo ripetere il mantra della soluzione europea e delle quote da assegnare a stati, regioni, comuni e comunità. Ma il suo faccione è sparito dagli schermi.

Nelle cronache ci manca Renzi ma ci manca anche lo Stato. A quale titolo questi migranti possono sciamare sul territorio prendendo treni, occupando stazioni, bivaccando nelle piazze sotto lo sguardo muto di forze dell’ordine che osservano ma tollerano e non intervengono? Qualcuno vuole scatenare la paura e la reazione della massa dei cittadini che ancora non hanno votato lega, fratelli d’italia, cinque stelle, forza italia?

Oggi finalmente un giornalista spiega che questa migrazione incontrollata e disordinata, che provocherà forse la sospensione di Schengen, deriva dal trattato di Dublino che obbliga i chiedenti asilo a espletare tutta la pratica per il riconoscimento di tale diritto nel paese di primo riconoscimento. Tutto sto casino perché non abbiamo una burocrazia efficiente?.

Così oggi nel mezzo di queste riflessioni ciniche e amare ho pensato che se questi giovani potessero mettere le ali e passare come gli uccelli migratori nel cielo saremmo tutti più felici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...