Luce primaverile

Oggi a Roma è una giornata splendida: aria fresca, brezza tesa, sole caldo, luce e colori vividi. Quand’è così tutti i bicchieri mi sembrano mezzo pieni. Alla stazione della metro Cavour degli operai stavano ripitturando il soffitto delle uscite di un bel grigio perla, così alla buona con una lunga pertica e un rullo, mentre un altro con un raschietto asportava dal muro spesse incrostazioni di calce che nel tempo avevano cancellato scritte ripetute e sovrapposte, più in là a piazzetta dei Monti un netturbino inginocchiato a terra raccoglieva con delle pinzette cicche e pezzetti di legno o di plastica dagli interstizi dei sanpietrini, con una accuratezza degna di un raccoglitore di prove sulla scena  di un delitto. Che succede? E’ la primavera.

Ma mi sentivo leggero anche per le notizie provenienti dall’Olanda. I razzisti non hanno vinto, sono al palo con un 20% che con un sistema proporzionale non fa paura a nessuno. Nutro una sincera stima per l’Olanda e per gli olandesi e francamente non potevo pensare che potessero prevalere gli xenofobi razzisti. Come nazione molto ricca ha tutto il diritto di essere conservatrice e di destra ma non quello di far prevalere gli stupidi animati dalla paura dei diversi. Mi va benissimo che abbia prevalso l’europeismo anche se fosse ispirato dalla scelta opportunistica di rimanere alleati con nazioni altrettanto ricche ed operose. Sì perché il vero grande pericolo di noi ricchi occidentali europei è di far prevalere la stupidità e l’incompetenza, l’idea che per danneggiare l’avversario si possa danneggiare in maggior misura noi stessi.

Buona notizia che mi rincuora anche della scelta che feci nel votare no al referendum costituzionale renziano.

Ora molti commentatori rimproverano noi del no di aver rimesso l’Italia nel pantano del proporzionale, dei partitini, dell’indecisione, del frazionamento, delle ammucchiate. Continuo a pensare che il rischio che con l’Italicum Grillo potesse prendere tutto il potere fosse troppo grande rispetto a quello di tornare a vedere figure di politici di seconda fila, moderati ed incerti che devono cercare e realizzare compromessi. La nostra situazione rimane grave poiché il leader maximo, il novello Napoleone dalle molte sconfitte e resurrezioni, non ha capito che l’inevitabile proporzionale se ci evita Grillo costringerà a formare governi di coalizione e che quindi già da ora, invece di insolentire gli avversari e di offenderli, farebbe bene a formulare programmi e prospettive pensando anche alle compatibilità con altrui programmi e con scenari inattesi.

Ma una giornata così luminosa mi suggerisce anche di capire che gli abbagli sono sempre possibili, che troppi concittadini non riescono a riaprire gli occhi dopo abbagli del passato, credono di poter andare avanti senza guardare alla realtà, accecati da un risentimento primordiale che tende a riportarli all’oscurità della caverne.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...