Chiacchiere elettorali

Riporto qui una discussione presente sulla mia bacheca di FB. Scusate la ridondanza ma questo blog conserva meglio i testi  che non voglio disperdere. Inoltre potrà essere letta da chi non ha accesso a FB

Ho condiviso un post di Giachetti e qualche amico mio studente di 40 anni fa ha reagito un po’ deluso.

Antonella Sivori: Ma per piacere Raimondo Bolletta ma dove era Giachetti quando si mangiavano Roma? Si sono riasfaltati e ripuliti in vista delle elezioni? Poi sono io quella ingenua….la Raggi è per strada in mezzo alla gente senza la polizia a proteggerla né lei né gli altri del M5S….

così rispondevo

Cara Antonella, tutti cerchiamo di ragionare sul problema della scelta del nuovo sindaco senza pregiudizi eccessivi e senza ingenuità da adolescenti. Come ricordi considero la defenestrazione di Marino un fatto molto grave e mi ripromettevo di non votare più il PD di Renzi. Ora però a una settimana dalla scelta mi trovo a dover decidere per esclusione. Esclusa l’estrema destra che ebbe la possibilità di governare con Alemanno ma che ha fallito miseramente ho considerato il M5S e la Raggi. Non è sufficiente andare per le strade senza scorta e proclamarsi onesti e trasparenti, occorrono programmi solidi e fattibili, occorre una squadra di persone competenti e determinate. Il programma è un libro di sogni, la squadra non si sa come sia formata. Lasciamo perdere che la Raggi sia cresciuta all’ombra del potere capitolino che gravitava intorno alla giunta Alemanno e alle municipalizzate, la cosa grave è che abbia promesso obbedienza a Grillo e al comitato tecnico politico che la affiancherà. Non voglio votare un pupazzo eterodiretto al Campidoglio. Mi basta anche l’occhiolino che ha fatto ai tassisti su Uber per escluderla dalle mie scelte. Come forse hai notato da qualche mio vecchio intervento su FB, ero orientato verso il voto disgiunto che in queste elezioni è possibile: lista Fassina e Giachetti sindaco. Mi sembrava un soluzione alla mia voglia di punire il PD ma di avere un sindaco che si colloca a sinistra. Poi ho visto che il prode Fassina, sarà un grande economista, ma è accecato dal rancore verso Renzi e spergiura che non appoggerà Giachetti in caso di ballottaggio. Ho capito che non dovevo disperdere il voto verso un aggregato pasticcione che anche con Marino (parlo di SEL) si è dimostrato inconcludente e velleitario. Sono così arrivato alla conclusione che posso votare Giachetti e una delle liste associate non quella del PD. Voterò Giachetti perché ha chiamato Livia Turco nella sua eventuale Giunta perché ha l’appoggio di Barca … Se ci fosse un ballottaggio Marchini e Raggi voterò per Marchini. Ebbene sì io penso che M5S e Raggi siano un pericolo per Roma perché l’onestà proclamata non basta senza una grande competenza e una visione coerente dei problemi da risolvere e mi sembra che la somma di buone idee possa produrre effetti disastrosi se non sono coerenti. Non perdòno ai 5S di non aver appoggiato Marino nel momento in cui poteva essere salvato soprattuto su  interventi che i 5 stelle avrebbero dovuto condividere. Ma per far ciò bisogna saper fare politica anche sporcandosi le mani.

Antonella Sivori Ed è esattamente quello di cui sono convinta a me sembrano competenti e formati, l’unico pericolo è che faranno di tutto per sbugiardarli e boicottarli. Marchini è perfetto, vota Marchini va benissimo lui è pulito e non ha nessuno alle spalle…..   Poveri noi….

Matteo:  Caro professore questo sarà il mio ultimo voto a questa città poi cambierò residenza e nazione e non potrò più votare francamente visto il livello della politica in questa città è in questo paese la cosa non ne che mi dispiaccia molto però mi piacerebbe votare il migliore,sicuramente Giachetti è una brava persona ma lo reputo “moscio ” fragile per fare il sindaco quindi potrebbe essere la marionetta di qualcuno Marchini un paravento e furbo Raggi è una ragazza dì carattere ma troppo giovane per una città che ti fagocita in un attimo .
Che fare professore in questa mia ultima x votare o lasciare in bianco sapendo che io non ci sarò oppure votare sono confuso attendo un suo consiglio, voglio contribuire al meglio anche rinunciando grazie.
io rispondevo
io sono confuso quanto te, sto arrivando ad una scelta con molte incertezze. Intanto ti auguro di tutto cuore di poter espatriare in una città e in un paese migliori. Penso che non dimenticherai Roma, non è quel luogo mefitico e disperato che ci raccontano continuamente. Ciascuno di noi deve scegliere in modo razionale considerando sia la propria matrice ideologica che ispira ciò che vorremmo prioritariamente sia gli interessi concreti che abbiamo il dovere di difendere. La gamma delle scelte è vasta e tutte corrispondono a delle buone ragioni che vanno rispettate. Come voterò l’ho detto ma questa scelta non è detto che debba o possa essere la tua. Unico criterio pratico è cercare di conoscere le persone che votiamo raccogliendo informazioni affidabili, a livello di circoscrizione questo è possibile. Di nuovo auguri per tutto.
MatteoSono romano e mi dispiace lasciare ma il dovere mi fa cambiare nazione se sarà meglio non lo so ,sicuramente una nuova avventura la più difficile aiutare i figli ad avere un futuro,ma a Roma tornerò come turista vedo di riflettere e fare una scelta giusta per contribuire al rilancio della città più bella del mondo

Antonella Gentile no Marchini no…per favore

Raimondo Bolletta Ma come? È ricco e bello. 

Antonella Gentile soprattutto è libero da ogni partito e libero da chi ci ha traditi

Antonella Sivori prof. ho come la sensazione che ci stai prendendo per i fondelli….

Raimondo Bolletta siamo seri ma non serissimi. qualche battuta non guasta. Confermo il senso della mia risposta a Matteo M. Per rispondere seriamente ad Antonella Gentile posso dire che, dovendo scegliere tra Marchini e Raggi, lo preferisco perché immagino che abbia più esperienza e abbia a cuore la città in modo abbastanza disinteressato dati i soldi che ha. La compagnia che ha aggregato è certamente imbarazzante ma una eventuale vittoria di Marchini sarebbe una batosta per Renzi ben più dannosa della vittoria di 5S. Sono convinto infatti che quando Renzi decise la caduta di Marino aveva scelto una strategia win win: se vince 5S un disastro della amministrazione simile a Livorno o a ad altri piccoli comuni porterebbe alla vittoria di Renzi nel ’18 se vince il PD … che ne parliamo a fare? Se vincesse Marchini il quadro si complicherebbe molto per Renzi. Comunque con un Giachetti in rimonta ciò che succederà è imprevedibile. Dovessi giudicare dal mio quartiere e dalle battute che ascolto in giro, dalla propaganda porta a porta credo che a questo punto la Raggi potrebbe addirittura non andare al ballottaggio, le due estreme rivitalizzate portano via voti ad una forza che vorrebbe essere trasversale ma che mostra le sue prime crepe non appena si sporca le mani con l’amministrazione delle risorse pubbliche. Care amiche non me ne volete.
Antonella Sivori abbiamo già visto quelli che hanno votato per Berlusconi ”tanto i soldi li ha già”…. mi piacerebbe che si votasse per migliorare non per punire Renzi. Diciamo che destra e sinistra ormai si coprono a vicenda, la Raggi scoprirebbe cose che voi umani….

One thought on “Chiacchiere elettorali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...