Persone per bene

Dopo molto tempo torno a parlare di politica, ho rinunciato a commentare tantissimi fatti della cronaca politica recente sia perché si succedono con tale rapidità che dovrei stare tutto il giorno a scrivere, e allora sarebbe un lavoro, sia perché non c’è nulla che mi ispiri riflessioni positive da condividere senza ammorbare il prossimo con ragionamenti catastrofisti ed apocalittici. I miei ultimi post sono piccoli spiragli di ottimismo legato alle persone che nonostante tutto sono capaci di operare positivamente.

Ieri l’altro ho partecipato ad un comizio elettorale di Roberto Gualtieri in una sezione di Articolo 1 di Testaccio con la partecipazione di Roberto Speranza. I due ministri sono arrivati trafelati e visibilmente stanchi, l’uno di ritorno da Bruxelles l’altro in una breve pausa dei lavori del comitato per l’emergenza per il Corona Virus.

Nella circoscrizione elettorale del centro storico di Roma si vota di nuovo il prossimo 1 marzo per sostituire Paolo Gentiloni che è stato nominato nella Commissione europea.

Di Gualtieri avevo parlato in due post Europa più nostra e Le mie preferenze. Forse per le sue alte competenze e per la rete di rapporti che aveva saputo imbastire nella passata legislatura del parlamento europeo avrebbe potuto operare meglio, più tranquillamente e con maggiori soddisfazioni anche economiche rimanendo al parlamento europeo ma ha accettato l’ingrato compito di ministro del tesoro in un governo che rischia di essere una banda di dilettanti allo sbaraglio. Una impresa disperata se ripensiamo al momento in cui accettò di tornare a Roma come ministro dimettendosi dal parlamento europeo.

Non ripeto qui le cose che ha detto: un discorso denso e corposo ma privo di enfasi e di retorica, quasi un resoconto da manager o da contabile. Il contesto, quello di una sezione di Sinistra italiana visibilmente ostile al PD non rendeva facile il suo compito ma il suo resoconto coerente e pieno di fatti sulla manovra economica e sulle sue conseguenze più o meno immediate ha chiarito molto bene cosa vuol dire ricostruire un tessuto di concordia e di intesa all’interno del vasto campo della sinistra tuttora molto lacerato.

Ma oltre ad ascoltare ho osservato la persona, il suo volto e il suo sguardo, non solo perché Giulia Urso, che aveva presentato i due Roberti come amici fraterni, aveva osservato che Gualtieri non ha il look giusto per questi tempi di politica spettacolo ma soprattutto perché qualche giorno fa una anziana amica di mia madre che ci telefona spesso per scambiare una chiacchiera telefonica ha esordito dicendo: hai visto che sgardo ha il Ministro del Tesoro?

L’aveva ascoltato in un talk show ed era stata colpita dall’espressione intelligente e buona con uno sguardo da persona perbene. L’anziana amica di famiglia pur vivendo la condizione di emarginazione di una vecchiaia molto infelice conserva la capacità di discriminare il grano dal loglio, i quaquaraqua dalle persone di valore.

Nulla è perduto se nonostante la martellante invadenza dei media nelle nostre vite saremo in grado di riconoscere negli uomini che dovremo scegliere per rappresentarci persone veramente perbene.

Ora noi romani della prima circoscrizione abbiamo la possibilità di scegliere per il parlamento una persona capace di riunire e di illuminare senza dividere e impaurire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.