Ius soli

Sulla faccenda c’è poco da aggiungere. E’ la cartina di tornasole per capire cosa c’è sotto tante vuote chiacchiere.

Ripropongo la lettura di un post del giugno scorso.

Questi sono i giovani di cui ha paura Salvini, questi sono i giovani di cui hanno paura i panzoni nerboruti ed ignoranti che sventolano bandiere nazifasciste, questi sono i giovani che spaventano i flaccidi giovinastri italiani che sono tali per razza e censo e che si mascherano dietro il perbenismo moralista del grullismo imperante blandito dalla stampa borghese, questi sono i nuovi italiani che possono salvare questo nostro stanco paese.

A questi due giovani albanesi che hanno scelto l’Italia spero vivamente che il Parlamento regali la cittadinanza dei figli che metteranno al mondo e che prima o poi riescano anche loro a diventare cittadini italiani, se ancora lo vorranno.

E se potessi, dopo questo auspicio, lanciare un anatema, lo indirizzerei ora contro i grullini che sullo Ius soli stanno esprimendo i loro distinguo, i loro contorcimenti di panza, non hanno nemmeno il coraggio di schierarsi, cercano solo di intercettare elettoralmente  i peggiori sentimenti di paura e di invidia che larghe fette di popolazione italiana autoctona nutrono nei confronti dello straniero. Non ho mai sperato in loro, li ho sempre temuti come pericolosi nella loro profonda ambiguità ma ora non solo  mi appaiono incompetenti e incapaci di governare ma sento anche che veicolano e rappresentano i peggiori istinti della xenofobia razzista.

Il racconto completo si trova su Nuovi italiani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...