Per una buona scuola: autonomia, valutazione, trasparenza

Lettura da pag. 62 a pag. 68 del sacro testo. Più mi inoltro in questo documento e più mi manca l’aria, mi altero e mi deprimo.

Il capitolo 3 è dedicato all’autonomia, o meglio alla vera autonomia. Come è nello stile di tutto il documento si esordisce dicendo che l’autonomia c’è già ma che non è stata realizzata pienamente per mancanza di risorse. 100% di accordo su questa premessa … ma attenzione! non c’è autonomia se non c’è responsabilità e non si è responsabili di ciò che si fa se non c’è la valutazione e la trasparenza. Non una parola sulle risorse che continueranno a mancare, temo.

Il testo sembra preso a prestito da un tema di concorso per dirigenti scolastici in cui ci si diffonde sul migliore dei mondi possibili sciorinando tutte le soluzioni variamente discusse nel dibattito culturale sulla scuola. Confesso che la cosa mi provoca rabbia perché durante una lunga parte della mia vita professionale sono stato dentro a queste cose credendoci ed elaborando e producendo ipotesi e strumenti. Ritrovo un minestrone riscaldato di buone idee riassunte senza un costrutto generale significativo. Ancora una volta, senza alcuna riflessione sul come queste cose possono essere realmente  realizzate. Dal testo sembra che la valutazione di un istituto scolastico si debba realizzare collazionando informazioni su tutti gli aspetti, anche i più eterei che qualificano una scuola, anche per le scuole come per i singoli insegnanti si produrranno dossier più o meno strutturati a disposizione di chi? non è detto esplicitamente ma sembra che il primo fruitore sia la famiglia che decide dove iscrivere il figlio.

In effetti il documento rassicura i lettori elettori dicendo che non si tratta di premiare le scuole migliori ma di ‘sostenere la scuola che si impegna di più per migliorare’. Che vuol dire?  Che premieranno le scuole che redigeranno piani di miglioramento più belli? Per favore!

Tranquilli, subito dopo queste affermazioni, il documento dice che finalmente entra in campo il Sistema Nazionale di Valutazione istituito dalla legge 80 del 2013. Tutto risolto, l’approccio sarà agile e non ridondante, non sarà un ulteriore adempimento amministrativo. Il profano si chiede, allora l’Invalsi è chiuso? ci siamo liberati dei test? no, no è cambiato il nome ma si tratta proprio dell’Invalsi con una delle sue cangianti uniformi che questa volta è pronto a valutare le scuole, magari con l’aiuto, con il fondamentale apporto degli ispettori. Quali ispettori? Quanti ispettori? Quante cose vuoi sapere caro Bolletta aspetta di arrivare alle pagina 163 e conoscerai i nome dell’assassino.

Quindi niente graduatorie di scuole ma informazioni pertinenti e ricche a disposizione di tutti sulla rete, un nuova e potente piattaforma informatica dalla quale sbirciare sistematicamente vizi e virtù  di ogni scuola. E parallelamente un albo elettronico nazionale di tutti gli addetti della scuola, qui solo virtù e nessun vizio per rispettare la privacy, dal quale il padre amorevole potrà scegliere i docenti per i propri figli, l’amministrativo potrà pescare il supplente dell’ultimo minuto, e, soprattutto, il preside potrà pescare i migliori per inanellare con pregevoli professionalità la propria beneamata scuola.

Schermata 2014-09-09 alle 17.48.41

Arrivato a questo punto mi sono cascate le braccia. Non so se continuerò a fare il commento di questo documento. Sono molto preoccupato.

commento successivo sul timoniere

commento precedente

Annunci

2 thoughts on “Per una buona scuola: autonomia, valutazione, trasparenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...