Henry conte di Read

Tra poche ore avremo un governo e la cosa mi riempie di gioia, si torna alla normalità dopo un tunnel lunghissimo in cui sembrava che il peggio non dovesse mai finire. La gravità della crisi permane tutta, è lì immutata e forse ora l’artiglieria nemica che aveva sospeso il fuoco per risparmiare munizioni, visto che le fazioni dentro il castello si stavano scannando e alla fine avrebbero spalancato i varchi per entrare nelle mura, l’artiglieria nemica riprenderà il cannoneggiamento, come Moody ieri notte ha ricominciato a fare.

carcassonne

All’interno del castello, più che un castello una città fortificata, la corporazione dei seminatori di zizzania non si dà per vinta e continua nel suo lavoro, giorno e notte. Nelle osterie e nei pub le chiacchiere sono fitte, talora colleriche, piene di invettive e parolacce a volte lievi e malinconiche perché l’alcool ha i suoi effetti. In questi localacci in cui i miseri vassalli passano la giornata fino a tarda ora disertando il desco famigliare, finti poveracci pagati  dai ricchi della città, accendono gli animi additando questo o quel signorotto, raccontando le peggior cose sulle intenzioni dei potenti, assoldando bande disposte ad affollare le piazze in cui i potenti del castello si sfideranno nei tornei. Araldi e messi diffondono ancora notizie più o meno false e tendenziose, ma le due principali fazioni, che si stavano scannando per la presa del potere, hanno dichiarato una tregua. Il podestà è ormai anziano e senza eredi e quindi l’hanno proclamato re e hanno giurato fedeltà. Il re ha individuato un giovane cavaliere, che  aveva sempre servito con discrezioni coltivando buoni rapporti con suoi parigrado nella fazione avversaria.  Henry conte di Read ha riorganizzato una nuova struttura di comando per l’esercito e forse sarà in grado di fare qualche sortita con la cavalleria nel campo avverso e chiamare in soccorso le forze di altre città assediata come la nostra. Ma i vassalli sono  troppo stanchi e sfiniti per gioire all’idea di nuovi scontri per difendere le mura della città, forse vorrebbero sfasciar tutto e alzare bandiera bianca.

20 thoughts on “Henry conte di Read

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...