Tarli

Ieri sera ero al concerto di Santa Cecilia. Tutti armeggiavamo in attesa dell’inizio con i telefonini, chi per spegnerlo, chi per comunicare qualche ultimo accordo per la serata. All’interno della sala la rete telefonica è inattiva ma ci sono due reti Wi-Fi una riservata agli artisti ed una ai dipendenti. Il mio vicino tenta di accedere ma la rete chiede le credenziali.

Continua a leggere

la crisi politica tedesca: una seconda Weimar? – 413

Vale la pena di riflettere sulla storia?

cor-pus 15

in Germania le trattative per il nuovo governo di coalizione detto Jamaika sono state interrotte, dopo 15 ore che non hanno portato ad alcun accordo, e riprendono a mezzogiorno,  senza limiti di tempo.

la loro durata dimostra l’impegno delle parti per arrivare ad un risultato, ma nello stesso tempo la difficolta` estrema di raggiungerlo.

lo ha mostrato anche il rapporto di 61 pagine diffuso ieri prima dell’inizio delle trattative per fare il punto sullo stato della discussione fra i quattro partiti (CDU o Unione Cristiano-Democratica, CSU bavarese o Unione Cristiano Sociale, FDP o Partito Liberale Democratico e  Bündnis 90/Die Grünen, Alleanza 90/I verdi).

le differenze restano enormi sulla protezione del clima, la riunificazione familiare dei rifugiati, lo smantellamento della sovrattassa di solidarietà e, in ultima analisi, sulle finanze.

in pratica i disensi restano sui punti piu` importanti dell’agenda politica tedesca.

. . .

il pessimismo al momento prevale: Seehofer, il presidente della CSU…

View original post 489 altre parole

La posta in gioco 2

Nel post di ieri mi sono divertito a rispondere ad una domanda un po’ provocatoria di un amico su Facebook ed ho approfittato per introdurre qualche concetto un po’ scolastico sul concetto di previsione. Oggi vorrei tornare sul concetto di probabilità.

Sì, era un post un po’ scolastico anche perché per quasi una ventina d’anni ho insegnato Calcolo delle probabilità, statistica e ricerca operativa a ragazzi dell’istituto tecnico per l’informatica.

Continua a leggere

Che succederà?

Da Facebook. Caro prof. ho letto le sue previsioni sulle elezioni siciliane. Ora le chiedo: come andranno le prossime? Renzi potrà farcela? Che succederà se Renzi ( PD ) dovesse perdere? Grazie anticipatamente per la sua gradita risposta alle mie domande.

Io rispondo. Grazie per le domande. Non sono un politologo, tuttavia mi piace far previsioni perché è l’unica maniera per verificare con i risultati ex post le proprie ipotesi e le proprie teorie. Mi dia tempo e le risponderò sul blog con un post ad hoc.

Continua a leggere

Ma chi ha perso?

Siamo certi che il perdente alle recenti elezioni regionali siciliane sia Renzi? Dall’intervista con Floris non si direbbe, mostrava una certa sicumera, una sicurezza eccessiva per un pugile suonato. Ha incassato colpi micidiali ma è un osso duro, tenace e resiliente che crede di avere  ancora carte da giocare.

Le mie previsioni della mattina del voto si sono avverate,  grosso modo, tranne quella riguardante proprio Fava  e la sinistrasinistra. Un risultato gravemente deludente per chi si illudeva di riportare al voto un popolo di sinistra che, uscito dal PD, era migrato verso  5 stelle o verso l’astensione. Un solo seggio all’assemblea regionale è una vera grave sconfitta.  Continua a leggere

La Sicilia ed Ostia

Domenica mattina mi ero arrischiato a fare una previsione degli esiti delle elezioni in Sicilia. Pur non vivendo in Sicilia e pur avendo avuto poche informazioni sulla situazione credo di aver sostanzialmente azzeccato il risultato sopravvalutando però solo il risultato di Fava che speravo potesse raggiungere il 10%. Non avevo considerato l’effetto del voto disgiunto che sembra abbia favorito Cancellieri con voti provenienti da sinistra.

Continua a leggere